اخبار

إصدار جديد | القدس: التطهير العرقي وأساليب المقاومة | ثقافة وفنون

تابع تفاصيل إصدار جديد | القدس: التطهير العرقي وأساليب المقاومة | ثقافة وفنون وقد تم طرح الخبر عبر عرب 48 .. تابع إصدار جديد | القدس: التطهير العرقي وأساليب المقاومة | ثقافة وفنون
والتفاصيل عبر ادفار #إصدار #جديد #القدس #التطهير #العرقي #وأساليب #المقاومة #ثقافة #وفنون


L’Arab Center for Research and Policy Studies ha pubblicato il libro “Jerusalem: Ethnic Cleansing and Methods of Resistance”, scritto da Ahmed Jamil Azm e altri, e curato da Ayat Hamdan. Il libro contiene 583 pagine. Include riferimenti bibliografici e un indice generale.

Da quando ha completato l’occupazione della città di Gerusalemme più di mezzo secolo fa, in seguito alla guerra del giugno 1967, Israele ha lavorato per giudaizzare la città, sia fisicamente che demograficamente. Per raggiungere questo obiettivo si è basata su un sistema giuridico e amministrativo che consolidasse questo orientamento politico e ha cercato di frammentare il tessuto urbano, sociale ed economico di Gerusalemme, impiantando al suo interno avamposti insediativi e isolando la parte orientale della città dal resto della Cisgiordania, basandosi sulla costruzione di insediamenti e sul muro dell’apartheid.

Basato sull’importanza della città di Gerusalemme nel conflitto arabo-israeliano, questo libro arriva a mettere in luce le arene del conflitto basate sulla pulizia etnica e i meccanismi della sua resistenza palestinese esaminando lo status giuridico di Gerusalemme e ricercando le sue condizioni politiche, economiche, realtà sociale, culturale e religiosa, e il ruolo dei movimenti di massa e degli attori sociali nella città, di fronte alle politiche israeliane di sostituzione e giudaizzazione. Il libro comprende quattro sezioni i cui assi sono la storia e la lotta per le santità, l’educazione e la lotta per la consapevolezza, gli strumenti per il controllo della città e le modalità del confronto, e Gerusalemme nella politica internazionale.

copertina del libro

Istruzione a Gerusalemme

La città di Gerusalemme ei gerosolimitani affrontano una serie di pericoli che minacciano la loro situazione attuale e il loro destino futuro. La macchina della giudaizzazione sta lavorando con tutte le sue forze per creare nuove realtà sul terreno, la prima delle quali è il restringimento dello spazio e della presenza palestinese, confinandolo in pochi quartieri isolati dall’estensione della città. Inoltre, la riduzione della presenza demografica palestinese in città, fino a raggiungere un minimo del 20 per cento, che corrisponde alla percentuale di arabi palestinesi in Israele che detengono un’identità civile israeliana. In altre parole, i cambiamenti demografici non si limitano solo ai numeri, ma si riflettono in altri ambiti, tra questi, ma soprattutto tra questi, l’istruzione e altri servizi, come la sanità, l’urbanizzazione e l’occupazione. L’istruzione, che è un elemento complesso, ma molto importante nella formazione della personalità di al-Maqdisi, appartenente al suo patriottismo e nazionalismo, viene sottoposta alla macchina israeliana di obliterazione, esclusione, negazione, distorsione, falsificazione e appiattimento.

Lo scopo alla base di questo è raggiungere l’egemonia, il controllo e la direzione politica quotidiana in tutti i dettagli della vita a Gerusalemme, nonché creare la superiorità della presenza ebraica nella città. In altre parole, Israele lavora a tutti i livelli per giudaizzare il luogo e lo spazio di Gerusalemme e della sua famiglia, applicando nomi ebraici, ebraici e israeliani ai luoghi, e la continua espulsione di famiglie arabe da alcuni quartieri, con l’obiettivo di controllare loro (il quartiere di Silwan, per esempio), spogliando le identità dei gerosolimitani e fornendo servizi quotidiani a Hadd. il minimo, in modo che il divario tra le società ebraica e palestinese aumenti, ecc.; La comunità ebraica gode della ricchezza e della ricchezza della patria, e ne beneficia, mentre ciò che il palestinese riceve sono le briciole che gli garantiscono almeno un respiro quotidiano.

È necessario che i gerosolimitani aderiscano all’adozione dei programmi scolastici e dei libri di testo palestinesi, senza alcuna distorsione, e ciò richiede una feroce resistenza agli approcci israeliani. I gerosolimitani dovrebbero anche elaborare piani per progetti educativi su Gerusalemme, non solo come punto di riferimento religioso, ma come un vero e proprio simbolo politico che sarà raggiunto facendone la capitale del futuro stato della Palestina. Questi progetti dovrebbero includere tutti i gruppi di età e segmenti di studenti.

Allo stesso tempo, è necessario sviluppare piani e strategie palestinesi per affrontare i processi di israelizzazione, nonostante tutte le difficoltà che i palestinesi di Gerusalemme devono affrontare. Ciò dipende da una forte spinta diplomatica per reclutare leader politici ed economici arabi per sostenere il progetto di fermezza a Gerusalemme, fornendo budget per campagne di confronto e mobilitando anche il pubblico a Gerusalemme affinché si unisca a queste campagne.

Gerusalemme in generale ha bisogno di essere salvata e, in questo caso, affrontare la questione dei programmi scolastici e dei libri che preservino il rapporto arabo, palestinese e islamo-cristiano con Gerusalemme è diventata la questione urgente del momento. Senza alcun investimento strategico, intellettuale e finanziario, le cose rimarranno nella porta del pio desiderio e della nostalgia per i bei tempi passati e il loro lustro è passato.

Demografia a Gerusalemme

Nonostante la varietà delle fonti di aumento della popolazione che dipendono dall’immigrazione e dalla riproduzione naturale, palestinesi e israeliani sono ancora presenti a Gerusalemme e nella sua regione in una fase di “esplosione demografica” secondo la teoria della transizione demografica. Nonostante le differenze relativamente minori tra di loro, l’aumento della popolazione continua nella realtà di una lotta in corso e di un equilibrio di potere asimmetrico tra palestinesi e israeliani. Una lettura del passato lontano e recente mostra che la possibilità di dominio demografico di un partito sull’altro, cioè il dominio palestinese o israeliano assoluto, non è possibile nel prossimo futuro, tranne nei casi di guerra in cui viene praticata la pulizia etnica o spaziale. Il verificarsi di questa pulizia demografica è difficile nella realtà palestinese, israeliana e globale testimoniata e visibile. Ciò porta ad un aumento della possibilità di sviluppare convinzioni e idee per insediamenti geopolitici su basi demografiche.

La base per proporre una soluzione geopolitica al conflitto israelo-palestinese, basata sulla soluzione dei due stati, sta sviluppando convinzioni basate sull’incapacità del dominio demografico di una parte sull’altra. Il continuo dominio di una parte sull’altra e la privazione dei suoi diritti geopolitici porterà necessariamente all’emergere di un regime di apartheid, a livello urbano e/o rurale.

Gli studi indicano che i rapporti della maggioranza dominata con la maggioranza dominante si destabilizzeranno e si trasformeranno in scontri se la minoranza oppressa e oppressa raggiunge il 30% dello spazio specificato o supera questa percentuale. Questa minoranza rivendica i suoi diritti a una partecipazione equa ed equa alle risorse e al processo decisionale politico. Attualmente, i gerosolimitani palestinesi hanno superato questa percentuale a livello cittadino, soprattutto nelle vicinanze di Gerusalemme est, ea livello nazionale. Cosa li spinge a rivendicare i loro diritti a partecipare alla patria e alla città in modo simile e paritario; Cioè trasformare la città e la patria da uno stato di occupazione, controllo e discriminazione su base razziale, in una patria e una città condivisa, in cui tutti sono uguali nella diversità, e questo è ciò che è noto come uno- soluzione statale. Questa soluzione è categoricamente respinta dagli israeliani a livello nazionale e urbano. Per ragioni demografiche, ragioni legate alla condivisione delle risorse, alla narrativa e alla decisione politica. La risoluzione del conflitto demografico e dei diritti umani a Gerusalemme sui principi di giustizia, equità e fornitura di una vita dignitosa non è prevista nel prossimo futuro. Ciò che alimenta il conflitto. Nonostante lo status, lo status e la realtà dei palestinesi come risultato delle politiche di controllo sotto la loro occupazione, gli insediamenti tra israeliani e palestinesi e la garanzia dei diritti dei palestinesi nella città e nei suoi dintorni possono rappresentare un laboratorio per proporre una strategia geopolitica liquidazione a livello nazionale.

Dall’inizio del progetto sionista in Palestina e dalla spinta all’immigrazione ebraica, in particolare l’immigrazione ebraica religiosa nella città di Gerusalemme, il numero di ebrei e arabi non palestinesi è aumentato da circa 33,9 mila nel 1922 a circa 100 mila nel 1946, e la loro percentuale è aumentata dal 54,3% al 60,3% nello stesso periodo. Nonostante i cambiamenti nelle dimensioni e nella proporzione della distribuzione della popolazione araba ed ebraica a seguito di cambiamenti geopolitici, la continua attenzione a collegare la popolazione, in base all’appartenenza etnica e religiosa, con le unità geo-amministrative in atto, rappresenta ancora la bussola del comportamento e del discorso demografico israeliano e palestinese.

Questa connessione ha creato un discorso e un comportamento demografico che dipendeva dall’equilibrio demografico a favore degli ebrei secondo la divisione dello spazio in unità. Dimostrare a se stessi che sono la maggioranza e che meritano diritti in questo spazio urbano, regionale e rurale, fino a quando le decisioni di dividere la Palestina non sono state formulate sulla base dell’esistenza di una maggioranza ebraica. Questa logica esiste ancora ed è praticata nella città di Gerusalemme e nei suoi dintorni.

Gerusalemme e la politica americana

La tradizionale lobby israeliana si concentra su due punti comuni che modellano la politica americana nei confronti di Israele. Il primo è il riavvicinamento religioso e culturale tra i due paesi, e questo porta a un riavvicinamento su questioni come Gerusalemme e il suo status rispetto agli ebrei e a Israele.Il secondo è che Israele è un alleato essenziale degli Stati Uniti nel Medio Oriente, e hanno interessi strategici e un’alleanza vitale.

Tuttavia, la percentuale di ebrei è inferiore al 2 per cento della popolazione degli Stati Uniti, e quelli descritti come sionisti cristiani non possono costituire, nella migliore delle ipotesi, più del 20 per cento. Queste due percentuali, insieme a una lettura storica delle politiche statunitensi sulla questione di Gerusalemme e di Israele, confermano che il fattore religioso non è stato determinante in questo rapporto.

Si noti che molti esperti mettono in dubbio l’importanza strategica di Israele per gli Stati Uniti e che le politiche dell’occupazione israeliana mettono in pericolo la reputazione e la sicurezza degli Stati Uniti, a causa del loro sostegno illimitato e incondizionato a Israele.

Il fattore più importante della forza del sostegno politico americano a Israele, e delle posizioni statunitensi su questioni come Gerusalemme, è il lavoro organizzato della lobby israeliana, che ha subito, dall’inizio del ventunesimo secolo, crescenti cambiamenti e chiara polarizzazione.

Per i gruppi a sinistra della tradizionale lobby dell’AIPAC, come il gruppo dei due stati e della pace J Street, sostenere Israele non significa vietare le critiche alle politiche del suo governo, e un numero crescente di ebrei americani sta condividendo questo punto di vista. D’altra parte, a destra dell’AIPAC c’è una lobby di destra che rifiuta ogni critica alle politiche di Israele, e la sua condizione più importante per sostenere qualsiasi governo israeliano è non sostenere la soluzione dei due Stati o fornire aiuti ai palestinesi. Quest’ultima tendenza è rappresentata al meglio dal miliardario ebreo Sheldon Adelson e dall’Israel American Council “IAAC” che la sostiene. Questa lobby non è solo interessata a garantire il sostegno a Israele all’interno degli Stati Uniti, ma anche a intervenire direttamente nella politica israeliana, attraverso una rete di media e sostegno finanziario in Israele, e sostenere centinaia di migliaia di immigrati israeliani negli Stati Uniti, e questa lobby ha svolto un ruolo chiave nello spingere Donald Trump ad adottare la decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e trasferirvi l’ambasciata degli Stati Uniti.

Il ruolo di questa lobby mostra che i fattori interni americani influenzano il processo decisionale americano più di ogni altro fattore. Questi fattori non sono in realtà legati alla demografia religiosa, ai fattori culturali o ai reali interessi americani, ma piuttosto al ruolo del denaro politico e delle forze organizzate. Allo stesso tempo, non è possibile ignorare lo stato di polarizzazione della società americana, in particolare dell’ebreo americano, tra forze laiche che ancora sostengono fortemente Israele, ma sono meno impulsive nel sostenere le sue politiche di occupazione, in contrasto con una destra più rigida nel sostenere l’occupazione e rifiutare i diritti dei palestinesi.

Per acquistare il libro: Clicca qui


تابع تفاصيل إصدار جديد | القدس: التطهير العرقي وأساليب المقاومة | ثقافة وفنون وقد تم طرح الخبر عبر عرب 48 .. تابع إصدار جديد | القدس: التطهير العرقي وأساليب المقاومة | ثقافة وفنون
والتفاصيل عبر ادفار #إصدار #جديد #القدس #التطهير #العرقي #وأساليب #المقاومة #ثقافة #وفنون

المصدر : عرب 48

السابق
جائزة البوكر 2023… إعلان القائمة الطويلة | ثقافة وفنون
التالي
40 أسيرا يواجهون العزل الانفرادي في سجون الاحتلال | فلسطينيات

اترك تعليقاً